Salgono i contagi da Covid-19 a Cassano. 142 Positivi ed altri 3 in stato di "Sorveglianza ed Isolamento Fiduciario" In Primo Piano

Salgono i contagi da Covid-19 a Cassano. Con riferimento alla situazione contagi, si comunica che con PEC odierna, la PREFETTURA di Bari ha segnalato sul nostro territorio la presenza di 142 concittadini Positivi ed altri 3 in stato di "Sorveglianza ed Isolamento Fiduciario".
Leggi tutto...

Cassano: 121 i positivi da Coronavirus In Primo Piano

Continua a salire il numero dei positivi ed è per questo che si chiede alla popolazione cassanese una maggiore attenzione al rispetto delle regole e delle ordinanze.  Lo comunica la sindaca Maria Pia Di Medio.
Con riferimento alla situazione contagi, si comunica che con PEC odierna, la PREFETTURA di Bari ha segnalato sul nostro territorio la presenza di 121 concittadini Positivi ed altri 5 in stato di "Sorveglianza ed Isolamento Fiduciario".
Nell'augurare pronta guarigione ai nostri concittadini - continua la Di Medio -, si rammenta per l'ennesima volta che l'UNICO MODO per evitare contagi, è rappresentato dalla puntuale osservanza del DISTANZIAMENTO, dell'uso della MASCHERINA e del LAVAGGIO frequente delle MANI.
Leggi tutto...

Cassano: Insegnante positiva al Coronavirus chiudono due plessi In Primo Piano

La sindaca Maria Pia Di Medio ha disposto la chiusura di due plessi scolastici  per l’accertata positività al Covid di una docente di scuola materna dell’Istituto comprensivo Perotti-Ruffo di Cassano delle Murge.

Entrambi i plessi della scuola, da oggi fino al 18 novembre. Nel provvedimento la sindaca spiega che la chiusura si è resa necessaria «per permettere sia la sanificazione di tutti gli ambienti interessati, sia un migliore controllo dello stato di salute dei ragazzi per l’eventuale comparsa di sintomi, non potendo sottoporli tutti a tampone».

Leggi tutto...

Ignazio Zullo: Lockdown sono le misure dei governi incapaci. Servono più medici igienisti e di medicina del lavoro per un nuovo stile di vita In Primo Piano

 
“Il premier Conte che afferma che queste misure servono per arrivare sereni a Natale sembra Renzi quando diceva a Letta: ‘Enrico stai sereno’… con la differenza che Renzi illudeva una persona, Conte illude una nazione. Lo afferma Ignazio Zullo Consigliere Regionale.
Leggi tutto...

Covid: Lopalco minaccia decisioni forti, ma la responsabilità dei dati è sua e di Emiliano e a pagare, ora, è la Puglia che produce In Primo Piano

 
“Il nuovo assessore alla Sanità, Lopalco, ammonisce (o meglio minaccia!): ‘Decisioni forti se i dati non migliorano’. Il miglioramento dei dati dipenderà dal senso di responsabilità collettivo ma credo che in primis tocchi alle istituzioni e a chi le rappresenta essere nel pieno senso di responsabilità. E va rilevato che proprio chi ha gestito e gestisce la Sanità non ha certo brillato per senso di responsabilità.
Leggi tutto...

Zullo (FI): Ospedale della Murgia, Emiliano ignora un’intera comunità che non vuole che la struttura diventi Covid! In Primo Piano

 
“Far diventare il Perinei di Altamura ospedale Covid è un grande errore, che abbiamo anche cercato di non far prendere al presidente Emiliano. Scrive Il consigliere regionale Ignazio Zullo. Nei giorni scorsi lo avevamo messo al corrente del rischio che una scelta del genere avrebbe comportato anche sul piano della mobilità passiva. Nel senso che i cittadini, per altre patologie, si sarebbero riversati sulle strutture della Basilicata, a cominciare dal vicino ospedale di Matera. Stiamo parlando di un ospedale che serve un territorio vasto e periferico rispetto al capoluogo…
Ma Emiliano  - continua Zullo - è evidente che ormai ha sempre più come modello politico il premier Conte: e così come a Roma l’opposizione non viene coinvolta, né ascoltata… anche a Bari Emiliano ha ignorato quelli che sono non certo consigli personali, ma di un’intera comunità anche di medici e operatori della sanità che mi avevano sollecitato in tal senso.
E’ evidente che all’Emiliano post-voto poco importa il parere dei territori… l’ascolto, o presunto tale, vale solo in campagna elettorale” - conclude.
 
 
 
 
 
 
Leggi tutto...

Cassano il sindaco Di Medio: COVID19 e le scuole scuole In Primo Piano

Stiamo affrontando un periodo molto critico per quanto riguarda la recrudescenza della presenza del COVID19 e, in particolar modo, la lente di ingrandimento è sulle scuole.
Questo non ci deve far perdere il controllo prima di tutto della nostra emotività e, di conseguenza, dell’organizzazione della vita sociale. Scrive la sindaca Dott.ssa Maria Pia Di Medio.
Le regole sono chiare e semplici da seguire. Ormai tutti le abbiamo imparate e abbiamo imparato anche a convivere con esse. Per cui, anche se si verificano nuove positività, dobbiamo mantenere il controllo e seguire le procedure. I problemi si verificano quando non vogliamo aspettare. I tamponi, per essere veritieri, devono essere fatti dopo almeno 7 giorni dal contatto con la persona infetta e sintomatica. E’ inutile fare continuamente ricorso ai tamponi per “sentirsi sicuri”.....tanto anche il giorno dopo ci si può contagiare, con l’unico risultato di uno spreco di tamponi che in realtà stanno già scarseggiando.
Tornando al problema delle scuole - continua la sindaca Di Medio - : le nostre scuole sono sicure. I responsabili hanno osservato fin nei minimi particolari le direttive ministeriali. Laddove dovesse verificarsi una positività la cosa più importante è restare a casa. Tenere i nostri ragazzi a casa fino alla definizione dell’eventuale contagio con il tampone che viene regolarmente fatto a tutti dalla ASL in seguito alla segnalazione dei responsabili scolastici o dei medici di famiglia. Bisogna rispettare, nel frattempo, le regole dell’isolamento senza farsi prendere dalle angosce soprattutto se si è asintomatici, come nel 90 % dei casi. Già, perchè stiamo osservando molte positività per tamponi fatti in occasione di screening di personale sanitario o per procedure sanitarie per interventi chirurgici, in soggetti completamente asintomatici. Le scuole non possono sospendere le lezioni. Le famiglie devono collaborare nel far rispettare le regole, perchè magari a scuola si pretende anche l’impossibile e poi si mandano i figli a calcetto, in palestra, a giocare con gli amici o si fanno le feste di compleanno o delle prime comunioni. Ad oggi a Cassano non c’è una vera emergenza.
Sono 14 i concittadini positivi (di cui la maggior parte asintomatici) e 5 in attesa di tampone o negativi.
Il numero si mantiene più o meno sempre lo stesso fra i guariti e i nuovi positivi.
Le scuole non possono chiudere e le attività commerciali nemmeno.
Sta a noi fare in modo che la vita continui quasi normalmente. Rispettiamo le regole, indossiamo le mascherine, manteniamo le distanze, disinfettiamoci le mani.
 
 
Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS