Emergenza Covid: nuove misure di sostegno ai cittadini. Contributi per famiglie e minori, esenzione dal servizio mensa In Primo Piano

Presto anche misure per i canoni di locazione grazie al fondo Fincovid

 

Un piano di aiuti paracadute per minori e famiglie in difficoltà, in piena emergenza Covid – 19. E’ quanto disposto negli ultimi giorni dalla giunta comunale guidata dal sindaco Alesio Valente, su proposta della vicesindaca ed assessora alle politiche per l’inclusione sociale e contrasto alla povertà, Maria Nicola Matera, e dell’assessore delegato alle politiche per la terza età e minori, Felice Lafabiana. Le misure previste, tradottesi in tre avvisi pubblici – già consultabili nella sezione dedicata del sito internet www.comune.gravina.ba.it – non tralasciano neppure il comparto dell’istruzione, destinando alle famiglie con un ISEE inferiore ai 2.500 euro l’esenzione dal pagamento del servizio di refezione scolastica per l’anno scolastico in corso. Sostegni economici sono previsti sia per gli under 15, riconosciuti dalla sola madre, sia per singoli e famiglie in situazione di disagio economico. L’ammontare del contributo verrà calcolato in base al numero dei componenti del nucleo familiare: verranno erogati 150 euro per i nuclei composti da un solo componente ed in caso di presenza di altri componenti, ulteriori 50 euro per ciascun adulto e 75 euro per ogni minore. Potranno partecipare all’avviso pubblico di contrasto alla povertà - entro e non oltre il prossimo 4 Dicembre - quanti abbiano un ISEE in corso di validità di 6.000 euro; se versino in stato di disoccupazione tutti i componenti maggiorenni o se gli stessi siano titolari di redditualità documentabile ad ogni titolo percepita, non superiore a 150 euro mensili. Ancora, coloro i quali non risultino beneficiari di misure di sostegno al reddito (Reddito di Cittadinanza, Red 3.0), ovvero, qualora ne beneficino, percepiscano una somma non superiore ai 300 euro mensili. Altro requisito richiesto è il non avere, al momento della presentazione dell’istanza, una giacenza bancaria o postale superiore ai 500 euro per ciascun componente del nucleo familiare. “In attesa che il Governo nazionale renda disponibili le risorse annunciate, considerata la situazione di estrema emergenza sia economica che sanitaria - commenta il sindaco Alesio Valente - si è voluto fare il possibile contando sulle risorse comunali, per concretizzare una serie di aiuti da destinare ai cittadini che soprattutto in questo momento versano in condizioni di estrema difficoltà”. Le domande potranno essere consegnate personalmente presso gli uffici dei Servizi Sociali in via Sottotenente Buonamassa, nei pressi della chiesa di San Domenico, oppure - esclusivamente in formato PDF, pena l’esclusione - all’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Se si fosse in possesso di indirizzo di posta elettronica certificata, l’istanza potrà essere inoltrata a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Novità in vista, infine, anche per il Fondo Nazionale per il sostegno alle abitazioni in locazione, per il quale la Regione Puglia ha stanziato un contributo - denominato Fincovid - di circa 136.849 euro, cui vanno ad aggiungersi 40.000 euro di cofinanziamento dell’Ente comunale. Fresca di deliberazione, difatti, è anche la distribuzione del fondo su forme di sostegno ai canoni di locazione per l’anno 2019 nonché per la costituzione di agenzie, istituti o fondi di garanzia destinati anche ai soggetti che non siano più in possesso dei requisiti di accesso all’edilizia residenziale pubblica.